Castellammare, al teatro Karol il «patto per la città» per varare la giunta

Chi attendeva veti e paletti resterà deluso. Nel teatro Karol di Castellammare di Stabia, dove si è tenuta la prima riunione politica dell’era Vicinanza, è andato in scena il «patto per Stabia». Un primo approccio verso la formazione della giunta «sereno e pacato», come hanno fatto trasparire fonti del centrosinistra stabiese.
Dopo una serie di interventi dei rappresentanti delle 10 liste che siedono in consiglio comunale, il sindaco Gigi Vicinanza ha prima di tutto chiarito che non metterà paletti o veti ai cosiddetti «trombati». A breve inizieranno i primi incontri bilaterali e ogni partito o movimento civico dovrà comunicare una rosa di nomi di alto profilo.
Vicinanza ha poi assicurato che «sarà una giunta politica», formata da «stabiesi», residenti e non a Castellammare ma «competenti» e disposti a lavorare h24 per la città. Una buona parte della maggioranza ha poi lanciato un appello a «non tirare per la giacca il sindaco» e «farlo lavorare in autonomia».
Infine, si è deciso di siglare «il patto per Stabia» con l’obiettivo varare la prima giunta Vicinanza senza scossoni politici. Che sia la volta buona per Castellammare…
Daniele Di Martino